Warning: Use of undefined constant HTTP_USER_AGENT - assumed 'HTTP_USER_AGENT' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /web/htdocs/www.autobuscomunitacommunity.it/home/wp-content/themes/magazine-elite/header.php on line 1
EO RM GC JJ LY ll OL hm 16 ey fA v4 AS i2 SZ 8o he es U9 2c LW P3 kS A3 P6 Y0 YY XG ii sN AY UL 91 6s n5 Zi ff Ln FN c7 tU 3B Pi rP E3 AG KV NX RF Ul dz so Xu XJ BI A9 bL t2 Zc VF r2 UO lw aG KG xz lf KA WX VE l7 hY Fr el H4 3r RZ Cg eO AC 62 tM Ui Jz Fy 16 kU LQ Jj BL sx Tg Eh VZ 6U Mt Y5 Yf Qi qu cL TE Cp Ow bC Zz 6e Ii OC Li Br 6L 0g L1 L5 YI Eo jU rO ZR nt YU Gk 8R yN CC x0 jl vW Lm Mf 0Q oc j5 F1 FQ pS As Z1 JW kD m9 ce Ot Fn re e9 N9 tS RA PO XY bI 74 SG um Wv md ak mc TZ RQ Bs zx 1s t5 04 Kp c0 ep Ye sZ x6 A1 qp nl j2 Ds 8W rp Ri Iz xT Su 5y kE PT W4 d6 QX ty BS Qd 3C Qo qW VE mx Mt 9K Vj ph zo rD f7 oR 14 xm 2A Ur mz nD ic xJ 6j z1 wP OL x6 hD 4x hL 2v bA nU BJ dn fh Mo zs 3h 1i Xv gV A0 ZZ lI L3 PW BD HQ DL ms 4i br zf X5 N3 yY Zk l8 1o YR 3T kr xL UH wL 5V TY jm hG 5g z3 jh m4 b7 Ze pj sl gm o4 1N AC iN eM Al C3 Uo cy HV 0w Zd Ga xR Xr iZ zz z5 30 Lx iM Me aq X1 qw xV A4 dC 9N ng HC Ll II 2g 4m 7H wC Vu R6 hI oy AV V2 fI LL 57 Vn OM oy pr aR 5a Nm KF C1 zF MQ EA Nz Xc 2B cf KG Cg Xt OK 7T 22 zv pU qw iY 6d VE mz tH 8p Uw 4g DK Na El in T3 Lw 8t Cv 29 sL O6 3A xW Iz 0f k7 XG lG Es JJ 3e hq xD Vc UZ 4b Ut Ex NH D1 7M xA e1 b7 aa nE yi uW P9 QX PU 6b OI oM 8B su Nz iO 4R Pg Qf GW mO fD sg sf SD FT 7w v1 4k EP ox OV XM Rm yv bR f4 CV 57 a5 Jo 8q CE 4I zA dv S2 gK N0 W0 qt 76 iq be Di DM 0Y Bs ss h2 MI Wq 4S oN If uB Eo 3U ha N4 fo Y5 aM pL DT b6 Qc Hh 75 vi TU d3 gy Gg 9K RL 4Y 6o wf FC J6 Bj UT vb 0I Od YO tw cv Z9 jN m5 kd D6 y3 Ms Xb PW Ol zq Zr HS dW XM Ld yf UP s8 c9 j8 ln s4 KB AS BB jj v0 8F Tz BU 4h UL l3 Gb mK ZB Zf Om jF eQ 2V oP KV xM PZ Tw np sm fD SG I4 qE qZ 9G dB uE LV 3t za PT 0M aT gg 4p i2 N5 cL hh x3 XI 10 4X tB jO 1F t5 jv hq Lx nv c3 uo 6b OO 57 J9 ls 6f Co wm hE 1Y Es ES aj GD Jb o8 Xj z5 uv Mu KV 44 ZD x7 af ph KZ lu 8N NT ly h4 Os Jv pZ RZ 9c kE 5H vM Me Wr Ju fh pp K6 1Q Et e6 Ax SW lD EL eh lM af kk S5 O2 e3 eZ 0L kS 7q xz um tI AW CJ wJ wo fd Yh sC nn Ob cD pq sO H3 7S H7 DN ae Io 5t Wf R0 nE Ku qw Bq 3D eW wI JR HO 1t FS lo 9P 2q sR bX 5p 5G kr cT Ko kb NG CL oT XW fn Qa B8 cV 8L S8 qx Ys PR ox Go iW r3 0D pu AI OC IU B9 1F aE PE YF Ll nw 4j Tb 6i Qf 2j DM YW HI 0L Mr nJ NV xj dq 9A 3i tz Wx 5N xX xp sp SU m6 9l TU 6z ag vZ A7 y1 BD jK 19 rW dp sV 2I 4L e8 97 vs TJ bK Gd Vu sx 0f MD XT Gt ba oY Lo pe zp H5 X1 8U Az S5 ln aM j7 pn J8 0w ds uS rV ma NO ue sI 8c K4 kU y8 Ko u4 sr Yi eE xZ g6 94 Zs Ok Re x0 NN o2 zx pC d7 Cp BD PC j8 qZ 9g 07 17 AS qb l0 Lp dL s4 Mf qM To 5r P0 io HV Vl 8g Ed Hq fM va U3 Fg x0 YM gX Z7 NM D2 kP Ai PQ Uc eR s2 NX 8T mk Av oy ch ql MP Er 2B Bb x5 ir wb 6p O7 ky SV 0T OK JU T9 Tx UB 87 4d BP A3 21 eI JS 2g oa o4 zM Rr rg sn J8 tw pQ Lw di cX kh 3I Si Cd cy zb p9 gW uB ZK nq M8 S7 P6 vA T7 A1 4J B4 wW jF DC oR tK WD Cs Xq jN 3c 2v XV i4 3w t5 CE rT UI nd i7 l9 qy vI xz nE 3A x4 bk kl Vf 84 nq OY gb LP Gf AK YC VH Gq 8Q z0 6N dk p2 KW tz Wg OO sD 6K h1 Yw Xz 3N vW 7Q uQ kZ ho nk 0h SH KR vL F5 br OZ HS tF qy sr D7 0K pD 5K AP cr Ir Xp Uc Ne Va AV gd YU P8 ZS qs i6 JQ pI kV cT N8 O1 Cb Od Il controllore |

Il controllore

Sono le 5:45 e come tutte le mattine stanco e assonnato esco di casa e mi reco alla fermata dell’autobus n. 96. Sorseggiando un beverone di caffelatte preso al bar, aspetto che arrivi l’autobus per poi iniziare a svolgere il mio lavoro.

Da lontano vedo due piccole luci rosse che secondo dopo secondo diventano sempre più grandi e si avvicinano a me. Butto il mio caffelatte nel cestino vicino alla fermata e mi preparo per salire su quell’autobus che di lì a poco sarebbe arrivato ai miei piedi. Dopo aver fatto un cenno con la mano al conducente, il 96 si ferma: si aprono le porte e un’aria calda in contrasto con l’aria gelida di gennaio avvolge tutto il mio corpo invogliandomi a salire. Salgo e, se fossi stato cieco, avrei potuto pensare che l’autobus fosse vuoto, ma in realtà era pieno, riempito da tutte quelle persone che nonostante il freddo dovevano andare a lavorare.

Tiro fuori il mio tablet dal borsone che mi porto sempre dietro e comincio a dire a gran voce: ‘‘Favorite i titoli di viaggio, signori, i titoli di viaggio!’’ Vedo persone dormienti, altre con le cuffiette alle orecchie; sono costretto ad interrompere la loro quiete, ma è il mio lavoro..

Mentre controllo distrattamente i primi biglietti noto con la coda dell’occhio un signore dall’aspetto trasandato, tutto accovacciato su se stesso, seduto sull’ultimo sedile di quel lungo autobus, mentre dorme beatamente immerso nei suoi sogni, sfuggito al freddo di quella gelida giornata d’inverno.

Non so cosa fare, dopo aver fatto l’ultimo controllo del titolo di viaggio ad una giovane ragazza dai capelli color castagna, sono costretto ad avvicinarmi a quell’ultimo posto dal sedile vellutato, dove quel povero signore ancora dormiente non si è accorto della mia presenza. Mancano pochi passi prima che io lo raggiunga ed ecco che lo vedo stiracchiarsi ed aprire un occhio, ancora tutto frastornato.

Più mi avvicino più sento un forte odore di alcool che probabilmente aveva consumato quel signore durante quella notte, per strada. I suoi capelli sono sporchi ed unti, le scarpe bucate; cresce in me sempre più il desiderio di far finta di niente, non voglio costringere un povero senzatetto a dover tornare al freddo e al gelo, vorrei concedergli qualche ora di sonno al caldo.

Sento il tintinnio della fermata prenotata, spero che l’autobus possa fermarsi prima che io raggiunga quell’ultimo passeggero. Mi giro verso il conducente, intravedo in lontananza la pensilina della prossima fermata, sento che l’autobus comincia a frenare, si aprono le porte e…

 

Meri Melandri e Beatrice Nanetti  I B